Regione Sicilia – D.A. 1287/S2 del 13/04/2006.

D.A. 1287/S2

Regione Siciliana

ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA,DELLE POLITICHE SOCIALI

E DELLE AUTONOMIE LOCALI

L’ ASSESSORE

VISTO lo Statuto della Regione Siciliana ;

VISTA la Legge Regionale n. 22/86 concernente il riordino dei servizi socio-assistenziali in Sicilia;

VISTA la L. 08.11.2000, n. 328 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi

sociali;

VISTA la Legge Regionale 31.07.2003 n. 10 con la quale sono state dettate norme per la tutela e la valorizzazione della famiglia;

VISTE le LL.RR. 30/01/2006 n. 1 recante disposizioni programmatiche e finanziarie per l’anno 2006 e n. 2 di approvazione del Bilancio di previsione della Regione Siciliana per l’anno finanziario 2006 e bilancio pluriennale per il triennio 2006-2008;

VISTO il documento di programmazione 2004/2006 “Analisi, orientamenti e priorità Legge n. 328/2000″, approvato con Decreto Presidenziale del 28.10.2005;

VISTO il proprio D.A.n. 908 /S2 del 24.03.2006 con cui si dispone che lo stanziamento del capitolo 183740 del Bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2006 pari ad € 4.000.000,00 venga utilizzato quanto ad € 3.096.000,00 per il pagamento di n.3.096 richieste inserite nell’elenco regionale richiedenti 2005, rimaste non soddisfatte e quanto alla restante somma di € 904.000,00 per la riproduzione dell’intervento regionale nell’anno 2006;

VISTA la propria nota prot. n. 1353/Gab. del 12/04/2006 con cui si dispone che l’arco temporale di nascite per l’intervento in oggetto vada dall’ 1/07/2005 al 30/04/2006;

RITENUTO pertanto necessario procedere alla definizione dei criteri e delle procedure per l’ammissibilità delle istanze e per l’erogazione del Bonus regionale di cui all’art.6, c.5 della L.R.10/2003 per l’anno 2006

D E C R E T A

Art.1- In applicazione dell’art. 6, comma 5° della L.R. 10/2003 che prevede il “Bonus” di 1.000 Euro per il figlio, sono approvati nel documento allegato (all.A) che costituisce parte integrante del presente decreto, i criteri e le procedure per la presentazione delle istanze ai Comuni (all.B) e per l’erogazione del beneficio relativamente all’anno 2006, nei limiti dello stanziamento di Bilancio regionale disponibile.

Art.2 – I pagamenti saranno effettuati tramite mandati in favore dei Comuni di appartenenza dei beneficiari.

Art.3 - Il presente decreto sarà trasmesso alla Ragioneria Centrale di questo Assessorato per il visto di competenza.

Palermo li, 13 aprile 2006

F.to L’ASSESSORE

On.le Avv. Raffaele Stancanelli

Speak Your Mind

*